The Good Mothers - Berlinale - Disney+ - Think Movies

“The Good Mothers”: la serie italiana in concorso alla Berlinale

“The Good Mothers”: la serie italiana in concorso alla Berlinale

La nuova serie originale italiana targata Disney+, “The Good Mothers”, sarà in concorso nella sezione “Berlinale Series” alla 73° edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino.

Candidata al “Berlinale Series Award”, premio istituito quest’anno e il primo dedicato alla serialità nella storia del Festival, “The Good Mothers”, di cui vi presentiamo la Key Art, arriverà prossimamente su Disney+ e racconta la ‘Ndrangheta interamente dal punto di vista delle donne che hanno osato sfidarla.

Qui la Key Art

TGM_VERTICAL_4x6_LAYERED

“The Good Mothers” è interpretata da Gaia Girace (“Lamica geniale”) nel ruolo di Denise Cosco, Valentina Bellè (“Catch-22”, “I Medici”) nei panni di Giuseppina Pesce, Barbara Chichiarelli (“Suburra – La serie”, “Favolacce”) in quelli di Anna Colace, Francesco Colella (“ZeroZeroZero”, “Trust”) in quelli di Carlo Cosco, Simona Distefano (“ Traditore”) nel ruolo di Concetta Cacciola, Andrea Dodero (“Non odiare”) in quello di Carmine e con Micaela Ramazzotti (“La pazza gioia”, “La prima cosa bella”) nel ruolo di Lea Garofalo.

“The Good Mothers” è un’opera corale e sfaccettata che racconta la storia vera di tre donne, cresciute all’interno dei più feroci e ricchi clan della ‘Ndrangheta, che decidono di collaborare con una coraggiosa magistrata che lavora per distruggerla dall’interno. Queste donne dovranno quindi combattere contro le loro stesse famiglie per il diritto di sopravvivere e di costruire un nuovo futuro per se stesse e per i loro figli.

Basato sull’omonimo bestseller del giornalista Alex Perry, premiato dalla Foreign Press Association, e adattato per lo schermo da Stephen Butchard (“Bagdad Central”, “The Last Kingdom”), nominato ai BAFTA, il progetto vede la regia di Julian Jarrold, nominato ai BAFTA e agli Emmy (“The Crown”, “Becoming Jane”) e della premiata Elisa Amoruso (“Sirley”, “Chiara Ferragni: Unposted”) ed è prodotto da House Productions (“Sherwood”, “Il prodigio”) e Wildside (“L’amica geniale”, “Anna”), una società del gruppo Fremantle.

La storia racconta di una giovane e brillante pm, Anna Colace, che ha l’intuizione di attaccare la ‘Ndrangheta facendo leva sulle sue donne, le mogli e le madri dei boss, figure da sempre marginalizzate con oppressione e violenza dal sistema estremamente patriarcale dell’organizzazione criminale. L’indagine di Anna inizia con l’agghiacciante scomparsa di Lea Garofalo, che aveva testimoniato contro il marito Carlo Cosco per sfuggire alla sua morsa e iniziare una nuova vita con la figlia Denise.

Man mano che Anna si addentra nel torbido mondo della ‘Ndrangheta, scopre le potenti storie di Giuseppina Pesce e Concetta Cacciola, due donne molto diverse ma legate dall’esperienza di aver vissuto un’esistenza oppressiva e soffocante e dallo stesso desiderio e impulso di scappare per garantire a se stesse e ai propri figli un futuro migliore.

I produttori esecutivi di The Good Mothers” sono Juliette Howell, Tessa Ross e Harriett Spencer per House Productions e Mario Gianani e Lorenzo Gangarossa per Wildside, una società del gruppo Fremantle. 

Leggi anche: “Laggiù Qualcuno Mi Ama”: il docu – film di Martone al 73esimo Festival di Berlino

Leggi anche: “L’Ultima notte di Amore”: il film con Pierfrancesco Favino sarà presentato al 73º Festival di Berlino

La Redazione


Pubblicato

in

da

Tag: